gruppo nanou. La danza in teatro per ammazzare il tempo

Recensione. La compagnia ravennate gruppo nanou festeggia il suo primo ventennale di attività con una installazione coreografica in un’elegante sala del Teatro Alighieri di Ravenna, e ripropone figure e visioni di un immaginario ancora felice. Una dell… Continue reading

BRONX GOTHIC (di Okwui Okpokwasili)

«Isn’t necessarily a black play, it’s purely a relationship between these two women», così sul The Guardian. Bronx Gothic è una performance in assolo, scritta e interpretata da Okwui Okpokwasili nel 2014 (oggi anche documentario), ora ripresa in scena … Continue reading

DUET BEHAVIOR (Meredith Monk e John Hollenbeck)

Travolta, e fortemente impressionata, per una accoglienza quasi da stadio, Meredith Monk ha inaugurato la programmazione del 77° Ciclo di Spettacoli Classici del Teatro Olimpico di Vicenza. Quest’anno affidata alla cura sapiente (e piena di vere promes… Continue reading

RUA DA SAUDADE (coreografia di Adriano Bolognino)

La riflessione di Adriano Bolognino sul sentimento affermativo della nostalgia per eccellenza più indefinibile e inappropriabile, è una composizione fatta tutta a contrasto. In Rua da Saudade visto tra il molto pubblico della sala grande del Comunale d… Continue reading

PASSAGE/PAYSAGE (di Camilla Monga)

Una volta entrate, come gli spettri, non usciranno più dalla nostra mente. Ma prima il preludio, solo musicale di elettronica e viola di Federica Furlani, che è lungo, intenso, necessario oltreché bellissimo: come un dare le carte prima della partita, … Continue reading

Sincronie, macabre sparizioni, salti di specie. La danza a Vicenza

Al Festival Danza in Rete di Vicenza una programmazione che privilegia soprattutto la danza italiana, fa scoprire la complessità di processi creativi e pluralità di identità che finalmente testimoniano un cambio generazionale in atto. C’è scritto: «Ric… Continue reading

DECISIONE CONSAPEVOLE (coreografia di Roberto Tedesco)

È arrivato a compimento, col debutto a serata intera, il progetto coreografico Decisione consapevole di Roberto Tedesco. La crescita del percorso compositivo e la maturità delle scelte sono ora precisate ed evidenti. Un concorde quartetto di interpreti… Continue reading

THE LAST LAMENTATION, di Valentina Medda, a cura di Maria Paola Zedda, Kunstverein Publishing (2024)

Il catalogo della mostra che conclude il progetto performativo “The Last Lamentation” di Valentina Medda coadiuvata da Maria Paola Zedda è, materialmente, un susseguirsi di onde: ovunque è acqua, forse il Mediterraneo, forse una nuova epist… Continue reading

Madina (coreografia di Mauro Bigonzetti)

Profetica e purtroppo attuale, l’opera musicale Madina in forma di Teatro Danza in tre quadri del compositore Fabio Vacchi con la coreografia di Mauro Bigonzetti è tornata nella stagione di balletto del Teatro alla Scala di Milano. Tratta dal romanzo L… Continue reading

HYBRIDUS (Cornelia Dance Company)

Nell’intensa programmazione del Festival Danza in Rete OFF del Comunale di Vicenza, la partenopea Cornelia Dance Company ha presentato un trittico di lavori tutti ispirati al repertorio dei Ballets Russes. Una serata piena di nuove idee, di accuratezza… Continue reading

FROM ENGLAND WITH LOVE (Hofesh Shechter)

Un po’ delude il nuovo lavoro di Hofesh Shechter per la sua compagnia giovane, Shechter II: From England with love, visto al Teatro Comunale di Vicenza. Sia perché la composizione non trova una più vera linea di realizzazione e sviluppo dell’idea (l’In… Continue reading

Teatro alla Scala: SMITH/LÉON E LIGHTFOOT/VALASTRO

Molto fumo ma anche molto arrosto. Però, quanto fumo di scena! In tutti e tre i lavori, eppure molto diversi per cronologie, stili, estetiche, presentati alla Scala di Milano, nel segno del contemporaneo. Sarà forse un diffuso bisogno di atmosfera; una… Continue reading

DAVIDSON (di Maurizio Camilli e Michela Lucenti)

Tratto da Padre Selvaggio di Pier Paolo Pasolini, abbozzo di sceneggiatura del 1962 e pubblicata postuma nel 1975, Davidson è la storia di un giovane liberiano di buone speranze e del suo modernissimo insegnante assediato da sensi di colpa coloniali. B… Continue reading

LES SAISONS (coreografie di Thierry Malandain)

Due ore scarse di danza per cinque repliche (a teatro sempre pieno): è tutto quanto previsto dall’intera stagione «di Lirica e Balletto» (sic!) del Teatro La Fenice di Venezia. È troppo poco. In attesa di tempi con più doveri, ho quindi visto Malandain… Continue reading

Reportage di fine anno. La danza al bivio #2

In questa seconda parte di viaggio di fine 2023, il nuovo duo di Rizzo, il tema della vecchiaia affrontato da Cosimi, il progetto su Maguy Marin e la MM Dance Company, nonché il debutto baudelairiano di Balletto Civile: tutto sembra piegare la biforcaz… Continue reading

Reportage di fine anno. La danza al bivio. #1

Un viaggio di fine anno per la penisola, isole comprese, inseguendo repliche mancate, imminenti debutti e nuovi progetti di danza. In questa prima parte, tanto MK ma non senza uno Schiaccianoci d’obbligo: raccontano una ricchezza della danza in Italia … Continue reading

TALOS (Arkadi Zaides)

Nel prezioso focus dedicato ad Arkadi Zaides dalla rassegna Orbita organizzata da Spellbound Centro Nazionale di Produzione della Danza, il Teatro Palladium di Roma ha ospitato la performance Talos, incentrata sulla questione della violenta rivendicazi… Continue reading

DEUX MILLE VINGT TROIS (Maguy Marin)

90 minuti di antiteatro. 90 minuti di fine del teatro. È questa scelta radicale per il nulla, che lascia impietriti al termine del nuovo lavoro di Maguy Marin. Visto al Teatro Cavallerizza di Reggio Emilia, come parte del progetto Maguy Marin. La passi… Continue reading

Virgilio Sieni e la cecità cannibale

Virgilio Sieni ha realizzato un nuovo lavoro ispirato al noto romanzo di José Saramago, ed è un difficile affondo sulla perdita del mondo, la predazione intraspecifica di una cecità cannibale che ritrova (anche nella danza) una dimensione selvaggia e s… Continue reading

GENDER BENDER (Daniele Ninarello, Oona Doherty)

A Gender Bender, un’intera comunità bolognese legata al progetto europeo Performing Gender – Dancing In Your Shoes si è messa al servizio di Daniele Ninarello, per una creazione condivisa dal titolo Crowded Bodies. «Un live-collage» (è la felice espre… Continue reading

GENDER BENDER (Lara Barsacq, Gaya de Medeiros, Michele Ifigenia)

Lo storico festival bolognese Gender Bender da due decenni intercetta immaginarî culturali e performativi legati al corpo e al genere, oggi con un’intensa programmazione interdisciplinare e post-identitaria. Nel folto programma di quest’anno anche molt… Continue reading

Peeping Tom e tutta la danza che non c’è

A Torinodanza il nuovo teatralissimo lavoro di Peeping Tom, diretti dal solo Franck Chartier, è una intensa riflessione sui mezzi del teatro (e della danza, che comunque non c’è, ma non importa) come spazio di consapevolezza del trauma, dell’opaco, del… Continue reading

AILEY II (William Forsythe, Francesca Harper, Robert Battle, Alvin Ailey)

È stata una felice inaugurazione quella della nuova stagione di danza al Teatro Comunale di Vicenza con l’Aley II (i giovani della compagnia Alvin Ailey American Dance Theatre Company). E per di più con un programma di quattro titoli estremamente diffe… Continue reading

Scene mangiate e balletti cantati, a Torinodanza

Serata doppia, composita e tutta italiana, perfettamente riuscita a Torinodanza, con i visionari Dewey Dell e le seduttive malinconie della MM Contemporary Dance Company con Silvia Gribaudi. La visionarietà dell’immaginario, e pure della impegnatissima… Continue reading